• Ho visitato...la Scuola Holden

    Coesione e ottimismo, crescono scrittori dove si fabbricavano bombe

    Un'iniziativa istituzionale mi ha portata lo scorso week-end  a Torino. Emanuele Durante, giovane e attivissimo Presidente della Circoscrizione 7, mi ha accompagnato a visitare alcuni luoghi per farmi incontrare Associazioni, aziende, esperienze particolarmente interessanti del territorio di sua competenza. Abbiamo iniziato da un luogo davvero speciale, la Scuola Holden. Fondata dallo scrittore Baricco con altri soci e compagni di avventura, nel 2013 la scuola ha lasciato la piccola palazzina liberty vicino al Po per trasferirsi in una vecchia e bellissima fabbrica di bombe vicino alla Dora che da anni giaceva abbandonata e che la Città di Torino ha avuto in concessione dal Demanio. Su questo immobile, al centro di un quartiere con vari  problemi sociali, i fondatori della scuola hanno realizzato una ristrutturazione di grande qualità, ampliando i corsi che oggi sono frequentati da circa 300 ragazzi e ragazze. La Holden è una scuola privata, aperta al quartiere e alla città, in un felice connubio tra istituzioni e soggetti privati, un luogo in cui ho visto persone determinate, entusiaste delle innovazioni che stanno realizzando, contente di lavorare e di studiare. D'altra parte il nome è tutto un programma: una scuola dalla quale il giovane Caulfield del romanzo di Salinger non sarebbe mai stato espulso... Ci sono corsi di scrittura,  cinema, digital storytelling, giornalismo, serialità, televisione. E ora che Mauro Berruto, ex allenatore della nazionale di pallavolo, è il nuovo amministratore delegato anche gli sport hanno fatto il loro ingresso.  Ho respirato un'aria positiva, ho visto una sfida vinta grazie al coraggio di alcuni intellettuali e imprenditori che hanno scommesso sui loro talenti e su quelli dei nostri giovani. Vi ho segnalato il sito, se volete, dateci uno sguardo.

vedi anche....